FAIL (the browser should render some flash content, not this).
 RegisterLogin 

All times are UTC [ DST ]




 [ 3 posts ] 
Author Message
 Post subject: Chiusura Guantanamo e la soluzione possibile !
PostPosted: 19/03/2009, 11:16 
Offline

Joined: 04/02/2009, 15:47
Posts: 7
Guntanamo e’un problema creato in primis dagli US ed a loro sta in primo luogo la richiesta morale di trovare una soluzione. I tanti contatti ed abboccamenti con alcuni dei 27 membri, sempre in ordine sparso, passando dalla Lithuania alla Germania, non fa ben sperare che negli US sia cambiata veramente la linea di collaborazione con l’EU, continuando a preferire rapporti “alla carte” rispetto al riconoscimento dell’Unione come autorevole controparte.

Va riconosciuto pero’ il merito ad Obama per tentare di chiudere la questione, ma la domanda di fondo e’: quanti tra i prigionieri di Guantanamo resteranno negli US ? Credo nessuno, infatti l’obbrobrio legale di portare i prigionieri in una base militare a Cuba, fuori dalla giuristizione US per evitare problemi, fa pensare con il buonsenso, che gli States non ammetteranno nessuno dei cosiddetti combattenti illegali sul loro suolo al fine di evitare una “waterloo” legale sul suolo patrio.

A tal punto l’alternativa era di farli rientrare nei paesi d’origine, ma l’amministrazione statunitense la scarta per presunti motivi umanitari, curioso ma probabile.

Non resta a tal punto che imbarcarli oltre atlantico in paesi piu’ o meno amici e lasciare a qest’ultimi sbrigare la patate bollenti, in che modo non si sa, magari mettendo alla prova coesione e sicurezza comune.

Di fronte a tale problema, anche se non responsabili, chi non ricorda le manifestazioni NO-WAR, non ci possiamo tirare indietro, ma occorre presentare un’agenda ed una serie di punti condivisi, la mia proposta e’la seguente.

Per quello che riguarda il tribunale competente, al fine di giudicare eventuali crimini le parti interessate, ossia US, EU, nazioni di provenienza dei cosiddetti combattenti illegali riconoscono quale unico tribunale quello dell’Aia, questo primo punto e’inamovibile, indigesto, magari agli US ma ripeto irrinunciabile.

Successivamente qualora sia loro inflitta una pena la possono scontare nei paesi d’origine, ma qua di nuovo le parti in causa US, EU e paese in questione si impegnano a garantire i relativi diritti umani all’interno del paese. Questa secoda parte, se davvero vogliamo portare aventi il concetto di un modello di governance basato sulla “rule of law” deve essere mantenuta ben chiara, sotoscritta e fissa per tutte le parti in causa.

A tal proposito voglio ricordare che la questione dei diritti umani e’ gia’ presente in parecchi Action Plan (AP) dei paesi ENP che si affiancano sul Mediterraneo e questa potrebbe essere un’ulteriore opportunita’ di riaffermarla in maniera pratica rinvigorando la collaborazione reciproca su temi importanti.

Insomma una soluzione siffatta permetterebbe un reale passo avanti sia nel riconoscimento del tribunale internazionale che della difesa dei diritti umani, alternative che eludano, sempre e solo per scopi politici, tali punti cardine sono a mio avviso irricevibili e da scartare.

Cordialmente
Massimo Merighi


Top
 
 Post subject: Re: Chiusura Guantanamo e la soluzione possibile !
PostPosted: 19/03/2009, 14:52 
Offline
User avatar

Joined: 14/02/2009, 11:44
Posts: 41
mmerighi wrote:
Guntanamo e’un problema creato in primis dagli US ed a loro sta in primo luogo la richiesta morale di trovare una soluzione.

No. Non credo affatto.
Guantanamo è stato creato anche con la forte compiacenza colpevole e nascosta di tanti governi europei, tra cui il nostro. Cosa che le commissioni di indagine UE hanno abbondantemente chiarito.
L'europa ha le sue responsabilità. Gravi. Gravi come e quanto quelle USA.

Nei paesi di orgine sarebbero torturati, molto piu' concretamente che a guantanamo.
Si passerebbe dalla pressione psicologica forte (non per questo tollerabile) alla tortura fisica vera e propria (sicuramente più grave).
Infatti non sono pochi i prigionieri a guantanamo che chiedeno di non essere rispediti in patria e si oppongono legalmente a questa procedura.
Ritengo che i paesi europei debbano fare la loro parte palese, cosi' come ne hanno avuta una nascosta dopo il 2001.

Ciao,
Francesco

_________________
Il mondo è così grande che mi sento una formica.


Top
 
 Post subject: Re: Chiusura Guantanamo e la soluzione possibile !
PostPosted: 19/03/2009, 19:14 
Offline

Joined: 04/02/2009, 15:47
Posts: 7
Grazie Francesco,

non voglio entrare a ripetere il film gia' visto e troppo spesso negato, che abbiamo gia' dimenticato, la guerra all' Iraq fondata su prove false e' stata una debacle per i diritti umani di tutto il mondo ed oggi a 6 anni dall' inizio della guerra il paese sta probebilmente peggio di quando era sotto embargo "umanitario" proibendo medicinali ed altro alla popolazione.

Pero' non mi tiro indietro sul fatto che occorra collaborare ad una soluzione, ma tale soluzione non sara' indolore per nessuno, US compresi, ora vanno cercate le soluzione ai seguenti punti che nasceranno dalla chiusura di Guantanamo:

1-Di fronte a quale tribunale verranno giudicati, occorre ripristinare il vuoto di legalita' creato ?

2-Dove verranno messi i detenuti ?

3-Cosa fare per cercare di ripristinare i diritti umani che in tanti paesi sono stati calpestati con tale scusa ?

Ripeto che l' unica corte di fronte al quale tali persone possone essere portati e' la corte dell' Aia, altrimenti ne nascerebbe un vespaio innimaginabile con possibili differenze di trattamento tra chi si trova in Lithuania e chi in UK...tale cosa ripeto e' dal mio punto di vista inaccettabile, su questo punto, credo, siamo d' accordo ma come far inghiottire il boccone amaro agli US che sempre hanno negato l' esistenza di tale corte per prevenire che loro cittadini siano politicamente...messi sotto accusa.

Il rischio e' grande se le accuse a tali persone non fossero riconosciute valide sarebbe un vero problema di legittimita' ma d' altronde non possiamo dimenticarli da qualche parte.

Il secondo punto dove andranno, se riconosciuti innocenti, avranno libera circolazione, ma avranno pure il diritto di rientrare se vogliono negli US ? Credo di no e qua esiste un altro punto di principio, se tali persone sono riconosciute innocenti perche' poi vedergli negare l' ingresso...magari per evitare cause legali.

Terzo punto, concordiamo sul fatto che i diritti umani siano stati calpestati in piu' parti del mondo, bene allora anche qua non possiamo far finta di niente, dobbiamo e direi con ancor piu' coraggio fare in modo che tali dirtti siano ripristinati con relazioni internazioanali e mantenimanto dei trattati, come EU possiamo fare sicuramente di piu' degli US in questo senso e credo che dobbiamo farlo.

Un saluto, ma cio' che mi preoccupa e' che della cosa non se ne parli a porte aperte informando l' opinione pubblica...il che non e' mai corretto.

Saluti
Massimo Merighi


Top
 
Display posts from previous:  Sort by  
 [ 3 posts ] 


Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 4 guests


You cannot post new topics in this forum
You cannot reply to topics in this forum
You cannot edit your posts in this forum
You cannot delete your posts in this forum
You cannot post attachments in this forum

Jump to:  
cron